I colpi nel golf: chip, flop shot e spin

Il golf non è uno sport semplice e per praticarlo in modo professionale è doveroso conoscerne tecniche e regole di gioco. In alcuni casi, poi, è possibile eseguire dei piccoli trucchi – regolarmente consentiti nel gioco del golf – per ovviare situazioni difficili e mandare la pallina in buca senza troppe complicazioni. Vediamone alcuni.

colpi nel golf: chip

Il chip di base

Considerato come un tipo di colpo più difficile, in realtà il chip è un tiro molto semplice proprio come il putt. Bisogna sradicare da sé la convinzione che si tratti di un movimento complicato o esagerato perché è un’idea del tutto sbagliata: tutto quel che bisogna fare per riuscire in questo colpo è di ottenere un contatto pulito. La faccia della mazza deve colpire prima la pallina  e poi l’erba, per far ciò significa che il peso deve gravare più sul piede sinistro. Bisogna avere l’impressione di tenere la testa del bastone in linea con le mani: se infatti passa oltre le mani, i polsi si piegheranno e spazzeranno la pallina, se invece la testa della mazza ritarda, allora anche la pallina ritarderà e partirà bassa e tesa. Per lanciarla più in alto, invece, bisogna eseguire un backswing più corto e un follow-through più lungo.

Il flop shot

Se vi trovate in una situazione di emergenza e bisogna salvare il par, allora non vi resta che eseguire il flop shot. Per ottenere un flop alto e dolce che si possa fermare subito dopo il rimbalzo, bisogna addressare sulla pallina con stance e la faccia del bastone aperta. Non incorrete nello sbaglio comune a molti di impugnare prima il bastone e ruotare dopo la faccia: il bastone va sistemato vicino la pallina con la faccia già aperta. Dopo di che, potete impugnare come vi aggrada, ma è importante che posizionate la faccia della mazza già aperta perché riuscirete a mantenere i polsi in posizione neutra così da poterli piegare in maniera speculare al backswing. Per eseguire un perfetto flop, a questo punto immaginate di voler far scivolare sotto la pallina la faccia del bastone quindi, il movimento da effettuare dovrà essere pieno e morbido. Se lo avrete eseguito bene, nel finish il vostro ombelico sarà rivolto verso l’obiettivo.

Scivolando sulla pendenza

È possibile che vi troviate spesso in una situazione più complicata, in cui la palla si trova più in basso rispetto ai vostri piedi, in questo caso può risultare difficile mantenere in posizione parallela alla pendenza l’angolo anteriore della testa del bastone. In queste situazioni ambigue, bisogna prima di tutto cercare stabilità: nello stance dovete spostare il vostro peso sui talloni e impugnare la mazza all’estremità del grip, altrimenti rischiate di assumere una postura errata e, di conseguenza, di colpire male la pallina. Ecco cosa sarebbe corretto fare: aprire la faccia del bastone così che la punta risulti più bassa del tacco e nel takeaway portare indietro il bastone verso l’esterno. Nell’impatto, il bastone va portato di traverso sulla pallina. In questo movimento, l’angolo anteriore della faccia del bastone scivolerà su per la pendenza ottenendo un contatto pulito.

Spin da un lie compatto

Se vi trovate a dover giocare su una pendenza, potrebbe risultarvi utile realizzare lo spin di un lob wedge per bloccare la pallina. Non si tratta di un colpo facile, perché bisogna muoversi il minimo indispensabile per riuscire a battere in maniera precisa. Per renderlo possibile quindi, posizionatevi con i fianchi aperti: in questo modo, vi potrete concentrare solo sulla parte superiore del corpo ed eseguire un downswing lungo la linea del vostro obiettivo. Il segreto di questo colpo consiste tutto nel concentrare più peso sul piede anteriore. Inoltre bisogna ricordarsi che lo spin è essenzialmente un colpo di velocità, quindi cercate di colpire la pallina con una buona dose di potenza.

Altro piccolo trucco per riuscire nel putt potrebbe essere quello di contare alla rovescia partendo da cinque e prendere la mira, quattro e prendere lo stance, tre, mirare al bersaglio, due, guardare bene alla palla e infine eseguire il colpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *